dott_francesco_reho_chirurgo

Chirurgia dell’addome a Bari: Intervenire con l’Addominoplastica per migliorare il tuo aspetto

L’intervento  di  addominoplastica  viene  eseguito  per eliminare  l’eccedenza  di  tegumento  (cute  e  tessuto adiposo  sottocutaneo)  che  può  produrre  alcuni  evidenti  inestetismi,  quali  pieghe  e  ondulazioni  della pelle, o addirittura, nei casi più accentuati, un vero e proprio grembiule che ricopre la regione pubica.  Esso consiste nell’asportazione dell’eccesso di pelle e conferisce  all’addome  un  aspetto  più  gradevole  e naturale.  Possono  essere  eliminati  i  disturbi  presenti nei casi più accentuati, quali la dermatite, che spesso si  verifica  a  livello  delle  pieghe  inguinali,  e  la  difficoltà nei movimenti o nella scelta degli indumenti.  All’asportazione  della  cute  può  essere  associata, quando  opportuna,  quella  del  tessuto  adiposo  in  eccesso, mediante tecnica di lipoaspirazione.  Nel  caso  coesista  l’allontanamento  (diastasi)  dei muscoli  retti  (i  muscoli  a  forma  di  nastro  estesi  dall’arcata  costale  al  pube)  può  essere  eseguita  la  loro sutura  sulla  linea  mediana  ed  eventualmente  il  loro rinforzo mediante il posizionamento di una rete.  Qualora  siano  presenti  delle  ernie  causate  da  cedimenti della parete addominale, devono essere riparate  nel  corso  dell’intervento  di  addominoplastica.  In questi casi può rendersi necessario l’impianto di una rete  di  contenzione  che  ricostituisce  la  continuità della parete addominale.

Alla prominenza dell’addome può contribuire:

– uno scarso tono muscolare che non può essere corretto chirurgicamente ma, in caso, almeno parzialmente  recuperato  con  una  specifica  attività  fisica. Ai fini della definizione dei possibili risultati ottenibili,  la  programmazione  dell’intervento  deve tenere  conto  di  tale  fattore.  In  altri  termini  la  presenza  di  uno  scarso  tono  muscolare  impedisce  di garantire, con l’intervento, un “addome piatto”;

– un’eccessiva  adiposità  e/o  distensione  dei  visceri migliorabili solamente con la dieta.  Deve essere ancora ricordato che in alcuni casi la prominenza  dell’addome  è  dovuta  alla  presenza  di  un accumulo di tessuto adiposo, con tessuti di discreta o buona elasticità; in questi casi è preferibile procedere con  una  semplice  lipoaspirazione  che  di  per  sé  può dare, nelle corrette indicazioni, un buon risultato estetico.  Se  ad  almeno  4-6  mesi  dalla  lipoaspirazione  si rendesse  evidente  un  cedimento  dei  tessuti,  potrà essere  considerata  l’opportunità  di  un  intervento  di addominoplastica.

SCARICA IL PDF INFORMATIVO QUI

addominoplastica-immagine